13 giugno 2017

Miscellanea: Basta guardare il sole







“Quando sono triste ... mi isolo un po’, corteggio il silenzio, lo lascio amoreggiare con qualche lacrima. Mi faccio domande ... alcune trovano risposta, altre invece no.”(dal blog: Ad un passo dai Sogni, di Nair)


Ho la certezza di fare lo stesso percorso di un playboy sfigato di periferia, che inizia la serata annunciando agli amici grandi conquiste e poi si ritrova a tornare a casa da solo e con le pive nel sacco. Sono giunto all' entusiasmo, il più contagioso possibile. Roba che Caronte, quello che faceva i viaggi della speranza, dall’ Africa a Lampedusa, sulla sua barca carica di morti (di fame) era più allegro. Roba che a incontrarlo all' improvviso, potrebbe azzerarti l' euforia anche dopo aver beccato in contemporanea il sei al Superenalotto, un Gratta & Vinci milionario e una cinquina sulla ruota di Milano. Dai, forza, svegliati, mio caro, l' ottimismo è il profumo della vita. E così, nemmeno discuto dell’ amore. Perché questo rapporto funzioni con ottimismo occorre che ognuno faccia degli sforzi per l’ altro. Tant’ è che a me sembra di non fare tutti questi sforzi, visto che son scappato dalla mia ultima fiamma, di cui dicevo di esserne innamorato pazzo, solo perchè aveva il raffreddore e io temevo che mi mischiasse l’ influenza. Da sempre ho sentito dire: " Dai non abbatterti, con la volontà, l' ottimismo e un pizzico di fortuna puoi farcela ". Ottimismo, sano ottimismo e nessuna negatività:  tutto si sistemerà, un passo per volta, piano piano, tutto passa, ogni cosa tornerà com’ era prima, basta guardare il cielo. Questo è ottimismo genuino ed è quello che sento ogni giorno, uscire dalla bocca del personale preposto all’ assistenza tra le corsie delle Unità Operative. Ma è sano ottimismo o convenevoli, stereotipi, frasi formali, semplice cortesia, che si ripetono quotidianamente come un rituale sempre uguale? E chi le dice è pervasa da infinito ottimismo oppure prima di strisciare l’ entrata, all’ orologio marcatempo, ha finito di litigare col marito, il convivente, il fidanzato o l’amante che passa tutto il tempo nella Sala Giochi, dietro l’ angolo, sperperando somme di denaro sempre più considerevoli? Per quanto mi riguarda, speriamo che io me la cavo. Ma a leggere le profezie di Nostradamus per l’ anno che verrà, non ci saranno grandi speranze! I saggi nei libri dicono che gli ottimisti sono estremamente consapevoli dei problemi che si presentano, ma cercano di risolverli in maniera intelligente, senza auto disprezzo né fatalismo. L’ ottimista ha fiducia nelle proprie capacità di gestire le situazioni difficili e tentare di risolverle al meglio e il prima possibile. L’ ottimismo  è un’ arte di vivere che fa bene sia alla mente che al corpo. Essere ottimista è un vantaggio: anzitutto gli ottimisti sono in generale più felici della media, anche quando si trovano in situazioni delicate. Ad esempio se ti trovi, per puro caso, in un fiume con tre alligatori posizionati a triangolo equilatero e che ti guardano immobili con quei grandi occhi sul tipo, per intenderci, morbo di Basedow, tu che sei ottimista e sei più felice della media e hai la capacità di gestire al meglio e risolvere il prima possibile la situazione, immediatamente cerchi l’ area del triangolo: base x altezza, il tutto diviso due e ti ritrovi diviso in due: dal tronco alla testa in bocca a uno e dal tronco ai piedi in bocca a un altro, mentre il terzo alligatore, piagnucolando, dice: “ Ehi, me ne date un pezzetto pure a me, giusto per stare in compagnia e far vedere agli altri alligatori ottimisti che mangio, democraticamente, pure io?! “. Non è per caso che tutto questo ottimismo ci porta allo sfascio, il più completo? Son certo che in molte persone regna un grande ottimismo, nel paese dei brogli, dove l' imbroglione è sempre più ottimista, lui vive beato e sono anche sicuro che i loro umori sono molto più ottimisti del mio, per non parlare, poi, dei loro cari. Che si miri all’ ottimismo! Poi del futuro c’ è sempre tempo di parlarne. Voi fate un po' come vi pare ma io quest' anno, per festeggiare l' ottimismo, desidero proprio ubriacarmi, nuotare nello champagne. E il bello deve ancora venire, vedrete. Adesso però lasciatemi solo, lasciatemi stare, devo ritrovare tutto quel sano ottimismo smarrito, tutta la positività, tutte le mie capacità. Lasciatemi perdere, lasciatemi vi dico, perché voglio ancora godere di tutto questo, tanto, alla fine se ci saranno problemi, basterà guardare il sole che splende alto nel cielo. 
– ilprincipedellemaree: 23/12/2014(diritti riservati) -

Nessun commento:

Posta un commento