29 luglio 2017

Miscellanea: Come due gocce di limone

 
 

 

 
"Ti cercherò nei vicoli nuovi di strade che si abbracciano, negli angoli dove la luce ritaglia la mia ombra. Ti cercherò in un angolo silenzioso che profuma di attesa."(bitw)


 
Ricorderò sempre quella immagine; è impressa nel cuore e non potete immaginare per quanto tempo ho pensato, riflettuto e riesaminato il tutto. Per due anni consecutivi, lo stesso posto, la stessa ora, la stessa scena e la stessa struggente infinita tenerezza. Tutti i giorni verso le diciannove, accaldata dal sole e graffiata dalla sabbia, ritornavo dalla spiaggia sempre per la medesima strada e non appena voltavo l' angolo della passeggiata sul lungomare, c' era una via che si offriva ad un vento gradevole e all’ ombra degli alti pioppi che la costeggiavano ed è qui che mi si presentava il solito quadro composto da due anime dolci, una seduta su di un muretto: un vecchio, lo sguardo perduto nel vuoto, magro, malconcio, malinconico, guardandolo percepivo la solitudine, l' indolenza e l’ altra, accucciata ai piedi: sicuramente il suo cane, un meticcio peloso, fiacco e sonnacchioso. Anche lui era vecchio, lo si intuiva dal pelo e dal muso arruffato dove gli occhi inequivocabilmente sprigionavano solo la luce del tempo ormai andato. Come due gocce di limone che si fondono in una sola, un pizzico più grande, cercavano entrambi refrigerio e di far passare le ore e i giorni senza intoppi. A sera si avvicinava scodinzolando una cagnetta vispa e curiosa e il vecchio, rallegrandosi, invitava il fido compagno a corteggiarla: “guarda, è uguale a te”, gli diceva, “guarda come è bella e giovane”. Ma il cane vecchio, stanco e forse malato, non accennava il minimo interesse e rimaneva disteso col muso tra le zampe, immobile, solo il pelo arruffato e sporco si muoveva al refrigerio della strada. Come ogni sera mi fermavo per un po’ a guardarli e come sempre coglievo la tristezza e la delusione del vecchio che rassegnato l’ accarezzava scuotendo la testa mentre riprendeva, silenzioso, a fissare il passeggio dei villeggianti sul marciapiede. La cagnetta si allontanava, in cerca di cibo o di migliori avventure. Mi si stringeva il cuore, notavo l' affetto e la dipendenza reciproca, sicuramente il tempo aveva regalato ad entrambi forse tanto, forse troppo e ora stanchi e silenziosi si facevano compagnia presso il muretto, immobili l' uno accanto all' altro. Loro due, una vita vera alle spalle, un amore e un destino comune. Quell' uomo e il cane proteggevano a vicenda la propria solitudine, l' incuria degli anni li aveva lasciati lì, ogni giorno, come due figuranti sperduti e assenti. Ormai è il terzo anno che mi reco  in questo bellissimo luogo di villeggiatura della mia terra toscana e come sempre, dopo la spiaggia,  mi sono affrettata a voltare l’ angolo di quella strada dove  il vento soffia tra i pioppi, li ho cercati con lo sguardo, ma il muretto era vuoto, non c’era più il vecchio seduto né il cane accucciato. Entrambi o uno dei due avrà lasciato questa terra, ma chi dei due è rimasto solo, ora non ha più nemmeno la voglia o la possibilità di quella sosta, all’ ombra dei pioppi e della leggera brezza. Li ho ricordati a lungo, in tutta la loro serafica e struggente cornice e ho pianto.
- blowing_inthe_wind: 30/072017(diritti riservati) -
 



Nessun commento:

Posta un commento