19 marzo 2018

Pensieri scritti in questa notte di pioggia

 
 




 “ Voglio un cielo di mille colori, con il vento che cambia la scena.” (bitw)
 

Scorrevano parole
 
Mi disse un giorno il tempo, raccogli le tue storie e fanne un libro, io gli risposi che erano innumerevoli le pagine che avrei dovuto rilegare, lui mi rispose: fallo, sarà come preservare la tua felicità per sempre. Allora io provai e mentre le pagine si sfogliavano da sole, vedevo fiori e frutti germogliarmi intorno. Scorrevano parole e immagini rigando il bianco immacolato di fogli leggeri che piano si gonfiavano della vita mia. Così io dissi al tempo, grazie per le occasioni, per quelle corse folli, per gli attimi rubati, per tutti i miei errori che mi hanno fatta crescere, grazie per aver trascorso i tuoi giorni insieme a me, a me che non credevo che d’ un tratto mi sarei seduta a raccontarmi. Ed è questa memoria il senso di una vita, racconto interminabile che merita il ricordo, pagine affollate e gonfie, leggere e tormentate, profumate e fragili.
- blowing_inthe_wind:19/03/2018 - 
 
 
Una carezza
 
Una carezza può far rinascere dal freddo di ghiacci lontani, può sciogliere ciò che si era coagulato nell' immobile freddezza dell' indifferenza. Sembra un' ala che si posa vellutata a sfiorare e ti apre il fuoco mai spento che sopisce nel fondo della tristezza. Tu accoglila come un tesoro prezioso, serbala per coperta, fa che il suo tepore alimenti sempre quel fuoco fatuo, la tua scintilla nascosta. Rinascere da dove siamo nati, un ciclo eterno che si disegna nella dimensione perduta. Non siamo materia soltanto, né un guscio a perdere, siamo molto di più.
_ blowing_inthe_wind:19/03/2018 -


Voglia di pace
 
E il giorno in cui ci ricorderemo degli attimi che adesso sono macigni che rotolano in una corsa senza fine e vedremo con gli occhi che sfondano la piatta conoscenza, sarà un' alba illuminata e capiremo di appartenere al tutto e che il tutto è dentro di noi.  E tu che arranchi cercando e annaspando in dolcezze e stupore, prova a sederti, stacca la mente assetata di cose belle, lasciati cullare dal battito del cuore che pulsa, ascoltane il ritmo e la musica, è dentro la tua certezza, lontana è la sagra dei sogni e delle speranze intatte. Ed è in un mare calmo, piatto, dove solo un' ombra di riflesso fa percepire la sua pigra danza, che mi sento a volte e mi lascio abbandonare ai flutti senza opporre resistenza quasi che uno sforzo, anche il più debole possa incresparlo ed alterare la madreperla e l' argento che accarezzano la mia voglia di pace.
- blowing_inthe_wind:19/03/2018 -
  


 

Nessun commento:

Posta un commento