30 luglio 2017

Miscellanea: Risveglio

 
 

 
 
"Quando la dolcezza lava le mie guance, è perché mi ricordo di te."(bitw)



La mattina, appena sveglia, il caffè è come una carezza per la mente e per il mio palato, una calda abitudine che negli ultimi tempi ho consolidato. Da qualche anno sono rimasta sola e quando mi alzo sono molto più sgangherata del giorno prima, anche se, a dire il vero, posso permettermi di stiracchiarmi qualche minuto in più rispetto a prima. Lo preparo con cura nella caffettiera la sera precedente, perché al risveglio sono maldestra e impacciata e prima di aprire il terzo occhio, quello dell' intelletto, ho un estremo bisogno di caffeina, rapidamente, senza perder tempo e con estrema facilità. Insieme alla caffettiera, preparo anche il bicchiere di vetro, rigorosamente di vetro, bicchiere generoso, a differenza della tazzina così stitica e avara. E penso a come sarebbe bello se qualcuno lo facesse per me; offrire un caffè al risveglio è un atto d’ amore, una delizia che si apprezza con la pigrizia e la lentezza del mattino. E ripenso a come sono stata ingrata quando c' eri tu; io mi alzavo per prima e il caffè lo prendevo giù a quel bar dell’ angolo a pochi passi dall’ Ospedale. Non ti ho mai fatto questo regalo, non ho mai avuto questa delicatezza e vorrei tanto fartela ora che sei in un mondo migliore. Un piccolo gesto che mi è mancato; però, in compenso, ti baciavo forte sulle labbra prima di uscire, mentre tu indugiavi un altro pizzico nel letto. Quante cose belle meritavi e non mi sono mai soffermata a elaborarle, presa dalla frenesia del lavoro e dei suoi ritmi. Chiudo gli occhi, sorseggio il mio caffè e ti chiedo scusa, amore mio. Ma ecco, tu sei qui di fronte a me, che scuoti la testa e mi sussurri con la tua immensa bontà che ti sentivi tanto, tanto amato. Col sorriso sulle labbra, accendo la mia prima sigaretta e do inizio al giorno che, senza sosta, avanza.
- blowing_inthe_wind:(diritti riservati) 29/07/2017 -


Nessun commento:

Posta un commento