28 marzo 2016

Miscellanea: Lo specchio

 
 
 

 

" < Quando conoscerò la tua anima, dipingerò i tuoi occhi. >
Questo disse Modigliani alla sua modella.
Ed è qui che i tuoi sono appoggiati, vivi e vibranti.” (bitw)

 
L'intenso prolungarsi della calma sedimenta in una massa informe, vitale che s’ incendia al primo soffio di una passione. Quanto é potente quest' amore che spacca e penetra dove la pelle si apre, dove la musica sfonda la breccia dell' anima e lo diffonde come coperta sinuosa; e mi sento, mi ascolto, m’ interrogo e rimbalzo sul morbido di un ventre caldo accogliente, il mio, quello che esiste per raccogliere e coltivare, cullare e creare; da lì osservo il tempo e ritocco dettagli e sfumature, compongo immagini, quelle che restano sepolte nei balzi repentini della paura, nella sua melma vischiosa che m' imbratta l' anima. Le recupero con amore e le faccio mie; oggi più di ieri la leggerezza deve trionfare, per ritrovare quel senso smarrito; io sono ora come una lucciola che nelle tenebre appare e scompare solo per esistere con pacati volteggi, libera e silenziosa;  non mi volto indietro, non serve. Ciò che è stato e che ha scolpito è solo un aratro impietoso che doveva dissodare per far nascere o semplicemente distruggere; chiudo gli occhi e così riesco a volare, ho grandi ali, immense ali, che mi sostengono e che sono cresciute dopo il dolore;  volavo anche prima nella mia vita e stavo bene su queste mie gambe, adesso servono spazi diversi dove anche il poco diventa prezioso, dove la pace si veste di nulla, dove ritrovo un tempo migliore, dove anche un attimo acquista valore, dove capisco che non ci si perde. Dobbiamo sciogliere la mente dal tempo, slegare ad uno ad uno quei nodi che trattengono le nostre emozioni impedendo di farle vibrare nitide e trasparenti nel chiarore del presente. Qui e ora, sono le realtà che contano, alleggerite dai nodi del passato e dall' ansia del futuro, avranno la potenza di crescere, di espandersi; solo la mente libera si scrolla dallo sciame di ronzii delle insicurezze, del rimpianto, del dolore, della paura, dei rimorsi. Guardarsi dentro e afferrare la gioia del presente scavando dove il tempo ci ha impedito di cercare; capire ciò che teniamo nascosto e compresso e crescerci intorno nella consapevolezza di tornare felici.
- blowing_inthe_wind: 28/03/2016(diritti riservati) -

7 commenti:

  1. Spezzare le catene del tempo: un atto di libertà e rivendicazione di sé. Affermare il proprio io e il diritto a esistere nella pienezza di se stessi, perché il tempo ci nega le emozioni, inscatolandole nel domani o in un passato sbiadito e morto. Mi viene in mente Seneca: "Vindica te tibi".

    RispondiElimina
  2. Sai Annalisa,cerco di fare mio questo concetto che aiuta a riscoprire l'energia occulta del presente. Vero, anche Seneca esprimeva questo già a quei tempi e molte scuole e pensieri filosofici spingono a non essere schiavi del danno del tempo inteso come una morsa vessatoria che ci intrappola. C'e'tanta energia nella consapevolezza del presente e spesso non riusciamo a coglierlo!

    RispondiElimina
  3. "La Leggerezza deve trionfare"... mi è piaciuta tanto questa frase.
    Questo scritto è un abbraccio totale e appassionato alla Vita.
    Bellissimo davvero. Si.
    Ti lascio un abbraccio, Rosalba.
    E buona Pasquetta! :-)

    RispondiElimina
  4. Grazie, ricambio il tuo abbraccio e che quel vento prezioso ci sospinga sempre nella direzione della serenità. Provarci è doveroso.

    RispondiElimina
  5. Siamo davvero pieni di insicurezze, abbiamo paura del fallimento, sempre a pensare d'aver solo perso tempo dietro a qualcosa che poi magari non ci e' riuscito di portare a termine, e'vero che solo una mente totalmente libera si scrolla di dosso tutta l'insicurezza, ma sara' possibile?? Bellissimo scritto.. Saro' lieta di seguirti, a presto.. Passa a trovarmi se credi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono un guru, ma sto cercando di scoprire il benessere del presente, con fatica, ma con determinazione. Ci si accorge del''inutilità del tormento che ci infliggiamo rivolgendo l'attenzione a ieri e al domani. Tutto ciò implica volontà tenace per imparare a sigillare la mente, a costringerla a restare qui e ora....Ciao Silvia, vengo a trovarti!

      Elimina
  6. Bravo Bosso complimenti per la scelta
    Maurizio

    RispondiElimina