30 novembre 2016

Miscellanea: Il freddo che allontana.

 
 
 

 

 
 “ E ora cosa rimane dei tramonti cuciti con il cielo pronti a d acciuffare il cuore dei semplici, quelli che sanno goderne la carezza profonda? “ (bitw)
 
 
Scivolano, ora, le idee stanche e si rincorrono in larghi spazi. Ancora mi rifugio e corro affannata nei ricordi più belli, quelli che ti tirano i capelli e fanno dimenticare chi sei. Appendo al chiodo la mia pelle e lascio che ne esca fuori l' essenza e tutto quel che urla per uscire. Così l' attesa si riempie di aspettative e d’ incanto e mi tengo imbrigliata a ragnatele fantastiche. Ed è allora che vorrei diventare piuma per non sentire più questa pesantezza che m’ avvolge a sera, quando cerco e non trovo, quando tendo le orecchie per cogliere un semplice suono, una musica. Mi abbraccio e mi proteggo, ma il freddo mi allontana e d’ ovunque danza sordido il silenzio. E' questo dannato silenzio che tormenta, che corrode, che mi mette a dura prova. Allora mi circondo di musica, quella che non ho, e ti penso sai, ti penso e mi manchi da morire. Il fumo della sigaretta disegna il profilo delle ore che si fermano, m' avvolge, mi stordisce. Spirali di niente, dense di pensieri che magicamente s’ arrampicano per poi dissolversi, lasciandomi inerte. Amore che rispondi sottovoce per non farti riconoscere, che fuggi al suono di passioni sepolte, amore, io di te non conosco più niente, vorrei guardarti per ricordarmi com' eri e nel disegno inanellato di fumo dall' odore intenso, saltelli lungo i miei ricordi azzurri, volteggi languido ma poi scompari.
-  rosalba: 30/11/2016 -
 

3 commenti:

  1. Sono in ritardo di un giorno, lo so, ma volevo lasciarvi gli auguri di Buon Natale e anche un forte abbraccio.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ti abbraccio anch'io e più in ritardo di te ti auguro ogni cosa bella!

      Elimina
    2. Cri,il meglio per te e per coloro a cui vuoi bene.

      Elimina